Libreria L’angolo dell’Avventura: il viaggio virtuale si sposa con quello reale

Prima di scrivere un post abbastanza lungo in cui divago parlando della mia sparizione, voglio segnalare un’iniziativa davvero curiosa che unisce due delle mie grandi passioni: i libri e i viaggi. Sto parlando della nuova libreria L’angolo dell’Avventura, aperta in questi giorni a Roma.

Si tratta di una libreria particolare, che ha come unico tema i viaggi e, come riporta il sito web, “darà spazio ad ogni disciplina in cui il viaggio sia presente come soggetto principale, come mezzo e strumento di conoscenza, come evento sociale di valore universale attraverso la narrativa, la saggistica, la poesia, la musica, l’immagine.” Si tratta di un interessante progetto che opera nell’ambito dell’associazione L’Angolo dell’Avventura e si affianca al lavoro svolto dal Centro di Documentazione “La Cultura del Viaggio”, che a sua volta si occupa della raccolta, ricerca e classificazione di libri e altre pubblicazioni di viaggio.

La parte più interessante del sito è, a mio parere, la sezione dedicata al catalogo dei libri, accessibile cliccando sull’enorme planisfero situato nella parte inferiore della pagina. Essa riporta un elenco di libri acquistabili, suddivisi a seconda del Paese di provenienza. Le mie impressioni? Seppur molto esaustiva, questa lista potrebbe essere migliorata semplicemente apportando modifiche estetiche e funzionali, ad esempio cambiando lo stile della tabella. In generale, l’intero sito trarrebbe beneficio da un rinnovamento strutturale. Ad ogni modo, trovo che sia un’iniziativa assolutamente lodevole che può aprire le porte a sviluppi innovativi nel settore della cultura (che, a mio avviso, è strettamente legato a quello dei viaggi).

Progetti interessanti: ESCRITORES FAMOSOS

Oggi vi parlo di un progetto che mi ha entusiasmato fin da quando me lo hanno presentato. Si chiama “Escritores Famosos” ed è stato creato da una giovanissima scrittrice spagnola, Jacqueline, e dal suo compagno di vita e di lavoro, Ion.

“Escritores Famosos” nasce in primis come momento di incontro e condivisione fra appassionati di lettura e scrittura. Il suo scopo principale, dunque, è quello di diffondere storie affascinanti e magiche ed essere fonte di ispirazione per chiunque abbia un messaggio positivo da comunicare.

Questo scambio così importante avviene attraverso la possibilità di leggere i racconti, pubblicare recensioni e magari condividerle sui social, contribuendo così a far conoscere l’iniziativa e ad arricchire culturalmente tutti noi.

Una delle opere più interessanti è, secondo me, il racconto “Raíces Amuralladas”. Ambientato in Italia e ispirato dall’avventuroso viaggio dell’autrice e del suo compagno, narra la storia di Uninso, luogo popolato da gente litigiosa e divisa in due fazioni (Odiosos e Bondadosos) e per questo motivo circondato da alte mura che lo isolano dal resto del mondo. Tuttavia, dopo millenni, arrivano due visitatori, un ragazzo e una ragazza, disposti a cambiare le sorti del paese e di quelli, fra i suoi abitanti, che hanno ancora la possibilità di uscire da questa situazione. Potete trovare il libro, che è stato pubblicato da poco e non ancora tradotto, qui.

Le mie poesie dei tempi andati

Qualche giorno fa, in un impulso di apertura al mondo, ho pensato di pubblicare qui alcune poesie che scrissi a 22 anni, quindi circa una decina di anni fa. Si tratta di poesie a verso libero, un po’ immature, molto ingenue e fin troppo romantiche, anche perché all’epoca frequentavo un ragazzo di cui ero perdutamente innamorata. Oggi sarebbero certamente più curate dal punto di vista della forma, ma sono autentiche e sincere, per cui ho scelto le cinque migliori. Ognuna di esse sarà preceduta da una brevissima introduzione.

Amore per sempre

Dai vita alla mia vita, tu mio sole, io tua luna,

fusi insieme in un solo fremito

in un mare d’oro e d’argento

che sospira d’amore.

Eternità, il tempo smisurato del nostro vivere

l’uno nell’altra, angeli invisibili

che volteggiano nel cuore.

E nell’aria canti e pensieri, flebili melodie

d’un sentimento senza fine.

Spero vi sia piaciuta, così come spero vi piacciano le prossime 🙂

 

 

 

 

 

 

 

Ripresa delle attività

Buonasera a tutti! Finalmente, dopo un’interruzione di circa un anno dovuta a impegni di studio e lavorativi, riprendo ad aggiornare il blog. Sicuramente nei prossimi giorni vi saranno dei cambiamenti, una riorganizzazione delle categorie e dei contenuti in generale, ma saranno frutto di nuove conoscenze e nuovi stimoli. Insomma, non tutte le pause vengono per nuocere, anzi: alcune, per quanto lunghe e imprevedibili, si rivelano necessarie per migliorare. Vi anticipo che il prossimo post, e forse anche i due successivi, sarà dedicato a una bellissima iniziativa di cui sono venuta a conoscenza pochi mesi fa, all’inizio del secondo Master (!!) che mi sono messa in testa di conseguire. A prestissimo, dunque!

Torrossa, collezione full text di e-book ed e-journal online

Oggi vi presento Torrossa, una piattaforma online lanciata da Casalini libri che raccoglie oltre 300.000 contenuti digitali, 20.000 e-book e 700 riviste di 180 case editrici italiane, spagnole, francesi e portoghesi. La particolarità di Torrossa è data dal fatto che ospita contenuti eminentemente umanistici e, soprattutto, che si tratta di pubblicazioni in lingue romanze.

Un’altra interessante caratteristica è data dal fatto di essere divisa in due sezioni: una destinata alle biblioteche e l’altra riservata agli utenti privati. In quest’ultimo caso, il catalogo è solitamente più ampio, poiché l’offerta non è limitata a pubblicazioni di carattere accademico. La registrazione è obbligatoria soltanto se si intende effettuare un acquisto ma, come vedremo più avanti, permette di accedere a una serie di funzionalità.

La piattaforma è raggiungibile dal sito http://www.torrossa.it, che ingloba i cinque siti web di Casalini: il sito dell’azienda, lo store riservato ai privati, la sezione dedicata alle biblioteche, il pannello di controllo riservato agli editori e l’interessante sezione dell’ Edición Española Online, che ospita oltre 5000 titoli.

La piattaforma supporta 10 lingue ed è organizzata in 16 collezioni digitali predefinite, a loro volta suddivise in diverse sottosezioni sia complete, sia tematiche. È anche possibile creare delle collezioni “Pick&Choose”, scegliendo i titoli desiderati per creare una biblioteca digitale personalizzata in base alle proprie esigenze. Tuttavia, temo che questa funzione sia disponibile soltanto per le biblioteche; gli utenti privati, d’altra parte, hanno la possibilità di salvare i titoli acquistati o taggarli nel proprio workspace.

A questo proposito, vale la pena citare le funzionalità Web 2.0 che sono disponibili dopo la registrazione: lo spazio personale permette di salvare, stampare ed esportare ricerche, liste e bibliografie, inviarle via e-mail a un amico o magari a un docente, taggare i titoli.

I libri e le riviste possono essere acquistati secondo diverse modalità, a seconda anche della protezione dei file (molti sono protetti da DRM). Generalmente, una volta acquistato il documento rimane accessibile permanentemente, ma ci sono alcuni documenti non acquistabili o con download limitato o non ripetibile (per gli articoli di riviste è illimitato, mentre per le monografie può essere ripetuto ogni 5 giorni); infine, ci sono i cosiddetti “pdf a scadenza”, anteprime il cui periodo di validità cessa subito dopo l’apertura e le quali, a seconda delle autorizzazioni, possono essere stampate, scaricate o incollate in altri documenti. Infine, vi sono delle risorse open access, liberamente scaricabili e segnalate da un’apposita icona.

L’interfaccia di ricerca è semplice e intuitiva; sono disponibili una funzione di ricerca avanzata e una di browsing, che permette di sfogliare il catalogo per materie, per autore, per titolo e per editore. Inoltre, è possibile accedere ai contenuti della piattaforma anche attraverso la nuvola di tag presente in home page. Essa raggruppa le materie in cui sono divisi i contenuti.

Fra le molteplici funzioni di ricerca, spiccano alcune che trovo realmente molto utili: la possibilità di evidenziare le parole chiave nel contesto, che dà un’idea della densità di occorrenze di tali parole chiave e aiuta a filtrare i contenuti; la presenza di un codice QR, che permette di acquistare il titolo desiderato direttamente da smartphone o tablet; la segnalazione di altri titoli pertinenti in base alla rilevanza della ricerca; la possibilità di lanciare ricerche su risorse esterne, quali ad esempio Wikipedia e Google; la visualizzazione della struttura del record bibliografico; l’evidenziazione dei rimandi e delle relazioni reciproche fra riviste nella descrizione bibliografica dei documenti.

Insomma, si tratta di una risorsa estremamente preziosa per studiosi, studenti, ricercatori e per chiunque abbia a che fare con le biblioteche. Decisamente da non perdere!

 

 

 

 

 

 

Il Maggio dei Libri: altri eventi

Come annunciato nel precedente articolo, oggi voglio parlarvi di altri tre eventi molto interessanti legati all’iniziativa “Il Maggio dei Libri”. Il primo si intitola Amo chi legge… e gli regalo un libro; si tratta di una serie di iniziative organizzate per sostenere biblioteche e biblioteche scolastiche, che prevedono la partecipazione di editori, librai, bibliotecari, scuole e utenti allo scopo di permettere a chiunque di entrare in possesso del “potere” dei libri. Il ciclo viene avviato da scuole e biblioteche, che compilano un elenco di libri e lo inviano alle librerie più vicine: queste, a loro volta, propongono i libri ai clienti. A cornice di questo evento si svolgono una serie di concorsi.

Il secondo evento di punta si intitola La valigia dei Libri e consiste in una campagna itinerante che in questa edizione tratta un tema quanto mai attuale: “Blog, social web e un nuovo modo di raccontare”. Come suggerisce l’argomento, questa iniziativa cerca di scoprire i nuovi modi in cui si raccontano storie attraverso i moderni strumenti tecnologici. In questo incontro gli autori Teresa Ciabatti e Christian Raimo si confrontano con gli studenti.

Infine, è opportuno ricordare che l’iniziativa “Il Maggio dei Libri” può essere seguita anche sui social network: attraverso il sito web, la pagina Facebook e il profilo Twitter.

 

Il Maggio dei Libri

logo_bianco

Oggi voglio parlarvi di un’altra iniziativa molto interessante in favore della diffusione e promozione della lettura: il Maggio dei Libri. Si tratta di una manifestazione giunta alla sua quarta edizione, iniziata il 23 aprile (in concomitanza con la Giornata Mondiale del Libro) e che si concluderà il 31 maggio. Sono previsti oltre 1300 interventi, ma il numero può aumentare, poiché chiunque può organizzarne uno. Ovviamente, l’iniziativa avrà massima diffusione sui social network, per cui è stata realizzata un’app sia in versione Android, sia per iPhone e iPad.

Questa iniziativa e promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori, e prevede una serie di eventi, tra i quali: Cresci con noi, Un libro ti accende e Leggere non è mai un pacco. Questi tre incontri hanno lo scopo di enfatizzare il potere che i libri hanno di allargare le nostre vedute, aiutarci ad interpretare la realtà e superare le difficoltà. Inoltre, verrà assegnato il premio “Il Maggio dei Libri” ai cinque migliori progetti, presentati rispettivamente da: scuole, biblioteche, librerie, associazioni culturali, strutture carcerarie e ospedaliere.

Infine, sempre nell’ambito di questa iniziativa, sono previsti anche altri eventi di cui parlerò nel prossimo articolo.

Giornata Mondiale del Libro: le iniziative più interessanti

In occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’autore, che si celebra proprio oggi 23 aprile, in tutto il mondo vengono organizzate diverse iniziative volte alla promozione della lettura. In questo post ve ne voglio segnalare diverse che mi sono sembrate particolarmente interessanti:

  • Flashbookmob: iniziativa organizzata dall’associazione Città invisibili. Si svolge come segue: a partire dalle 9:15, quindi ormai già da qualche ora, ci si ritrova nelle piazze di paesi e città con un libro e lo si legge insieme. Si tratta di una manifestazione aperta a tutti, singoli e gruppi di tutte le età, organizzata in collaborazione con l’Associazione Librai Italiani, il Coordinamento delle librerie per ragazzi e le biblioteche, e facilmente ripetibile anche in altre occasioni;
  • Un libro per l’integrazione: evento promosso dalla fondazione IntegrA/Azione. L’evento si svolgerà a Roma, a Piazza Vittorio, e prevede la distribuzione di oltre 2000 libri a chiunque voglia leggere, oltre alla donazione di molti volumi ad associazioni che si occupano dell’integrazione dei cittadini stranieri.
  • Una rosa di libri: manifestazione ispirata alla tradizione catalana. La Generalitat de Catalunya, che partecipa all’iniziativa, ha donato 1500 rose che vengono regalate a chiunque acquisti un libro e altre 1500 verranno donate nelle biblioteche civiche. Inoltre è in programma un incontro con 53 librerie indipendenti per la presentazione di un libro.

Queste sono le manifestazioni italiane che mi sono sembrate più interessanti; domani sarà il turno di alcune manifestazioni che si sono svolte all’estero, soprattutto in Spagna.

 

El traductor de Cambridge

  • Titolo: El traductor de Cambridge
  • Titolo originale: El traductor de Cambridge
  • Autore: Fernando Báez
  • Casa editrice: Ediciones Lengua de Trapo SL
  • Anno e mese di edizione: marzo 2005
  • Traduttore: – (in lingua originale)
  • Genere: narrativa
  • ISBN: 84-96080-46-3
  • Pagine: 157
  • Trama: Questo libro, in cui la storia viene narrata dal punto si vista di un assassino colto, sadico ed eternamente in cerca della bellezza, affronta il tema degli impulsi distruttivi dell’uomo come parte integrante della sua cultura, partendo dall’anelito di uccidere che sorge nel protagonista e confrontandolo in seguito con il desiderio di distruzione, che troppo spesso porta le nostre società a provocare il caos in Paesi che consideriamo lontani e pericolosi. La narrazione, divisa in quattro parti, è intervallata da alcune pagine del blog che il protagonista, un traduttore arabo, aggiorna regolarmente con i particolari dei suoi pensieri più intimi.
  • Commenti: Questo romanzo ha soltanto due particolari che mi attirano: il fatto che il protagonista sia un traduttore e il fatto che nella narrazione trovino posto alcuni post del suo blog. Per quanto riguarda il primo punto, debbo precisare di aver acquistato questo libro alla fiera “Più libri, più liberi” nel 2013 mentre cercavo un libro che parlasse proprio di un traduttore. Tuttavia, francamente, la storia, mentre mi ha attirato per i particolari relativi al lavoro del protagonista, mi ha leggermente deluso a causa della violenza di certi episodi. In particolare, mi ha lasciato sconcertata il proposito di stabilire una relazione con una ragazza soltanto per ucciderla: proposito che può suonare “barbaro” ma che è certamente scaturito da un trauma subito dal protagonista. Concludendo, quindi, si tratta di una storia cruda che fa riflettere su quanto siano complessi e difficili i rapporti umani e la convivenza nelle società moderne.

Un’iniziativa interessante: il libro sospeso

Oggi voglio segnalare un’interessante iniziativa letteraria nata qualche tempo fa sulla scorta del “caffè sospeso” napoletano. Si tratta del “libro sospeso”, iniziativa presa dalla Libreria Ex Libris Café di Polla, in provincia di Salerno.

L’idea consiste nell’acquistare due libri, uno per noi e uno per un ragazzo sconosciuto di età compresa fra i 10 e i 18 anni. Il libraio si occuperà di consegnare il libro scelto a un ragazzo che si recherà in libreria nella settimana successiva all’acquisto. Possiamo conoscere il nome del destinatario chiedendolo direttamente al libraio o chiedendo che ci venga comunicato via e-mail.

Questa simpatica e utile iniziativa è stata avviata nel mese di marzo e conta già numerose adesioni, anche da parte di librerie di altre regioni, e ha l’obiettivo di favorire la promozione e la diffusione della lettura specialmente fra i giovani.

Personalmente, sono del parere che potrebbe essere estesa anche ad altre fasce d’età, in modo da permettere la riscoperta della lettura da parte di tutta la popolazione.